Storia Della Birra
Vari stili di Birra
La degustazione della Birra
La cucina e la birra
Le tabelle ed i valori nutrizionali della birra
La rassegna stampa del tennents tavern

 

Degustazione
Degustazione

Degustare vuol dire valutare le qualità della birra in termini sensoriali. Le fasi sono quelle classiche di ogni degustazione che si rispetti: visiva, olfattiva e gustativa. Ed in questa delicata operazione, la scelta del bicchiere è fondamentale.
L'esame visivo
Il colore varia a seconda del tipo di birra ed è legato alla tostatura dei cereali. La gamma delle sfumature è molto ampia. Si va dal paglierino delle lager al biondo brillante delle pilsner; dall' ambrato delle doppio malto fino al marrone scuro delle scotch ale, fino ad arrivare alle nere stout e doppelbock. Anche la limpidezza dipende dalla tipologia. Le weizen, ad esempio, si presentano torbide, a causa dei lieviti ancora presenti. Importante è anche l'esame della spuma. Può risultare scarsa, evanescente, cremosa, compatta. E anche il suo colore varia profondamente: dal bianco all'ambrato, fino al marrone, a causa del malto molto torrefatto.
L'esame olfattivo
L'esame olfattivo va a caccia dell'aroma, dei profumi complessi e affascinanti che le birre sanno regalare. In generale, si parla di aroma luppolato, fruttato, maltato, erbaceo, floreale; dal punto di vista dell'intensità esso può essere forte, leggero o tenue. Potrà essere piacevole e tenue nelle lager; oppure fine, penetrante, persistente e luppolato nelle pilsner; ampio e maltato nelle bock e doppelbock; fruttato e fresco nelle weizen; complesso ed equilibrato tra luppolo e malto nelle ale.
Nella birra è possibile distinguere due diversi tipologie di odori. I primi sono determinati dalle materie prime utilizzate, i secondi si sviluppano con la fermentazione e l'invecchiamento.
Scopriamoli insieme.
-Gli odori "primari": di solito l'ingrediente che caratterizza maggiormente l'aroma della birra è il malto. A seconda delle miscele impiegate - orzo, frumento, riso e avena - e del suo grado di tostatura, la birra potrà esprimere note dolci e fragranti, come quelle del pane, dei biscotti e del caramello, o amare, come quelle del caffè e della liquirizia. Il luppolo conferisce aromi della famiglia vegetale, dall'erba fresca, appena tagliata, al fieno e alle foglie secche. Il lievito, infine, ha la capacità di caratterizzare la birra con un odore fresco e leggermente balsamico.
-Gli odori "secondari": la fermentazione e la maturazione conferiscono alla birra odori così complessi da mettere a dura prova persino i degustatori professionisti. E se lager e pils, accanto ai classici sentori di orzo e luppolo, regalano spesso note floreali e fruttate, con prevalenza di agrumi e mela verde, una ale inglese, emana richiami alla prugna, alla mela cotogna, alla foglia di the, alla resina e alla carruba. Una doppelbock, invece, profumerà spesso di cioccolato, liquirizia e frutta secca. In alcune trappiste o abbazia, grazie a doppie e triple fermentazioni e alle speziature, è possibile percepire l'odore di scorza d'arancia, bergamotto, chiodi di garofano, cannella, vaniglia e noce moscata. E in birre particolarmente alcoliche potrà capitare di percepire insospettabili odori di vernice, cuoio e note medicinali.
L'assaggio
Il gusto di una birra dipende dagli stili di fabbricazione. Quello che le viene generalmente attribuito è l'amaro, più o meno intenso, conferito dal fiore del luppolo. In generale, il gusto di una birra può essere amarognolo, abboccato, amabile o dolce. L'amaro è, di solito, più intenso nelle pilsner e nelle bitter ale; le lager, invece, risultano più dolci poiché contengono una minor percentuale di luppolo.
La scelta dei bicchieri
Il bicchiere deve innanzi tutto essere pulitissimo: solo così permette alla schiuma di svilupparsi nella giusta quantità e di rimanere soda a lungo. E' sempre consigliabile bagnarne le pareti prima di versarvi la birra, in modo da diminuire l'attrito e consentire una corretta formazione di schiuma. Per una degustazione ottimale è poi importante scegliere il bicchiere adatto: forma e capienza non sono dettagli estetici, bensì elementi che consentono di valorizzare nel modo migliore le caratteristiche di un certo tipo di birra.
Un tulipano grande e panciuto è perfetto per esaltare i profumi delle doppio malto di casa nostra e delle doppelbock, spesso scure, e ricche dei profumi di malto tostato. La coppa, meno capiente e più aperta in alto, esalta birre più aromatiche: le trappiste e le abbazia ne sono il contenuto ideale. Il bicchiere stretto e slanciato, tipo flute, servirà alle birre particolarmente frizzanti per mantenere la loro vivacità. Usatelo in ogni caso solo per birre leggere come pils e lager. La pinta inglese va utilizzata per le ale britanniche. La sua particolare forma, infatti, frena la formazione di schiuma, poco gradita agli inglesi. Il weisenbecker, slanciato e stretto alla base, è il bicchiere perfetto per le weisse, le birre di frumento tedesche. Infine, il boccale andrebbe utilizzato solamente per le lager bavaresi; infatti, non offre particolari pregi se non quello di essere pratico per il suo manico e, soprattutto, di essere resistente agli urti.